Lo spettacolo della Fioritura di Castelluccio

La Fioritura di Castelluccio

Si ripete ogni anno e ogni anno riesce a sorprendere. Un regalo della natura che le parole difficilmente possono descrivere: la Fioritura di Castelluccio di Norcia

Tra la fine di maggio e l’inizio di luglio Castelluccio di Norcia diviene il teatro di un evento che ormai da tempo attira migliaia di visitatori. Molte persone raggiungono il piccolo centro umbro dopo esserci già stati altre volte, altri spinti dal racconto di amici, altri ancora incuriositi dalle tantissime immagini che circolano sul web, la maggior parte è mossa dal desiderio di vivere un’esperienza unica.

Un paesaggio fantastico

Il paese è situato su un alto colle e ai suoi piedi si estende la Piana di Castelluccio che giunge fino alle pendici del Monte Vettore. Si tratta di uno degli altopiani più grandi dell’Italia Centrale, situato all’interno del Parco Nazionale dei Monti Sibillini ad un’altitudine che varia tra i 1260 e i 1300 metri.

L’altopiano ha di per sé un fascino molto particolare e, per la sua conformazione tendenzialmente piatta e monocromatica, è molto spesso paragonato ad un paesaggio lunare, paesaggio che si trasforma completamente durante il periodo della Fioritura di Castelluccio.

La Fioritura di Castelluccio

Un appuntamento che si rinnova

Ogni anno, seguendo i tempi dettati dalla natura e dalle particolari, spesso molto variabili, condizioni climatiche, le numerosissime piante che popolano l’altopiano iniziano a fiorire, in momenti spesso diversi, colorando l’intera valle di un’infinità di sfumature che vanno dal giallo intenso o bianco al rosso, dal viola al rosa e che cambiano di intensità e tono a seconda delle angolazioni dalle quali vengono osservate.

L’inizio e l’andamento della Fioritura dipende da molteplici fattori che è impossibile prevedere e questo contribuisce a renderla ogni anno differente e, se possibile, ancora più affascinante.

Papaveri, margherite, fiordalisi, lenticchie, trifoglio e ancora, narcisi e orchidee selvatiche sono solo alcune delle tantissime varietà che è possibile osservare: da vicino danno l’idea di raffinate ed enormi aiuole dai mille fiori variopinti, in lontananza i singoli colori si fondono dando origine a enormi riquadri colorati, quasi tessere di un delicato mosaico che muta con il passare dei giorni, talvolta nell’arco della stessa giornata. Un vero spettacolo al quale è difficile rimanere indifferenti.

La Fioritura di Castelluccio

La Fioritura di Castelluccio 2016

Domenica scorsa ad ammirare il Pian Grande con la sua Fioritura c’ero anche io e vi assicuro non ero sola! Era veramente tantissima la gente presente, tante le macchine fotografiche di professionisti dell’immagine alla ricerca dello scatto più originale o gli smartphone e tablet di chi ha cercato di immortalare quello che, come accennavo, le parole difficilmente possono raccontare.

Persone di tutte le età, anche tanti stranieri, accomunati dal medesimo stupore generato dall’odore intenso dei fiori o del prato appena tagliato, dalla bellezza dei singoli fiori incontrati ad ogni passo, dal fermento degli insetti intenti nelle loro attività, da questa o quella macchia di colore osservabile in lontananza o dall’azzurro intenso del cielo con i fantastici giochi creati dalle nuvole.

Uno spettacolo a 360 gradi nel quale è stato inevitabile perdersi e che, ancora una volta, ha accomunato e incantato tutti.

E tu sei mai stato a vedere la Fioritura di Castelluccio? C’è ancora qualche giorno per poterla ammirare, ti consiglio di non perderla.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail
The following two tabs change content below.

Catia Moroni

Umbra, laureata in economia e commercio e con una lunga esperienza come analista funzionale, e-tourism marketing specialist. Sono curiosa, innamorata della natura, di ogni cosa mi piace esplorare quello che c’è dietro, l’essenza oltre l’apparenza.

1 Comment

  1. […] 35.   Immergersi nella fiorita di Castelluccio di Norcia […]

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.