Cascate del Menotre per un picnic nella natura a Foligno

Cascate del Menotre, picnic

Un piccolo tesoro nascosto nei dintorni di Foligno: le Cascate del Menotre, amate dai Folignati, apprezzate da tutti

A pochi minuti di auto dal centro di Foligno, città della Quintana,  puoi raggiungere questo posto, sconosciuto ai più, ma davvero suggestivo e ideale per un pomeriggio di relax ed uno spuntino con gli amici.
 
Il fiume Menotre crea questo favoloso scenario proprio sotto il piccolo paese di Pale, nel territorio dell’Altolina.
Dopo aver attraversato la frazione di Belfiore prendi la stradina in salita sulla sinistra (c’è una minuscola rotatoria, non ti puoi sbagliare!) e continua sempre dritto fino a raggiungere un’ampia zona di breccia dove puoi lasciare la macchina.
Qui troverai un pannello di legno con la mappa del percorso delle cascate, accessibile solo a piedi e sconsigliato, a mio avviso, a chi ha problemi motori, anche se il tracciato non è particolarmente insidioso.
 
Cascate del Menotre, Foligno
Foto da www.umbriatourism.it
 
Il sentiero inizia in leggera salita in mezzo a dei bellissimi ulivi che richiamano l’ambiente tipico umbro, continua costeggiando un paio di abitazioni (dovrete passare proprio davanti alla porta di due di queste!) e in breve tempo vi troverete davanti alla prima meravigliosa cascata, con tavolo di legno e sorpresina annessi!
Infatti un piccolo passaggio a destra dello scroscio d’acqua vi porterà nel dietro della cascata, in un ambiente umido e difficilmente accessibile, una piccola grotta insomma, con due aperture verso l’esterno.
 
Lungo il percorso troverai altre due cascate, dei curiosi ponticelli di legno, altre aree con tavolini e panche di legno dove poter rilassarti e goderti un pranzo diverso all’ombra del bosco con sottofondo creato dal rumore dell’acqua che scorre.

Sentiero Natura: Le Cascate del Menotre

 
Il percorso termina al piccolo borgo di Pale, da dove è possibile anche intraprendere un’altra camminata per raggiungere il sacro Eremo di Santa Maria Giacobbe costruito sulla parete rocciosa, dove ammirare il tallone e la mano della Santa incisi nella roccia. L’eremo fu abitato dai custodi della piccola chiesetta attigua fino agli anni ’60, essi potevano usufruire di un piccolo orto e di un pozzo.
 

Ogni 25 maggio, giorno dei festeggiamenti della Santa, i fedeli si ritrovano in processione sul sentiero che conduce a questo luogo cristiano meta anche di tanti pellegrinaggi in particolare per chiedere la guarigione dai dolori reumatici.

 
Stai già organizzando il tuo picnic al fresco delle Cascate del Menotre?? 😉
The following two tabs change content below.

Marina Foddis

Travel Blogger
Sono Umbra ma ho il cuore Sardo, dottoressa in economia e management, digital marketing specialist e blogger. Il turismo e il marketing sono la mia passione, amo organizzare i viaggi con il fai da "me" e la mia filosofia di vita è "Le cose si fanno bene oppure non si fanno per niente!". Nell'offline sono anche un'amministratrice immobiliare. Scrivimi a marina@fairblogtravel.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.