Mamoiada: cosa vedere nella patria dei Mamuthones

Mamoiada cosa vedere - paese

Nel territorio barbaricino alla scoperta di un paese già noto. Mamoiada: cosa vedere nella terra dei Mamuthones in qualche ora.

Durante una gita estiva nel territorio barbaricino, dopo aver passato mezza giornata a Orgosolo, mi sono diretta a conoscere Mamoiada, questa volta non a festa come nei giorni del Carnevale Sardo.

Mamoiada, ad appena 9 km da Orgosolo, si trova a nord del massiccio del Gennargentu, nel cuore della Sardegna.

Questo piccolo paese dista appena 17 km dalla città di Nuoro ed è facilmente raggiungibile percorrendo la statale 131. In questo territorio caratterizzato dalla pastorizia e da una fiorente attività vitivinicola, vive la tradizionale produzione delle maschere dei Mamuthones e degli Issohadores.

mamoiada cosa vedere mamuthones

Di origine ancora sconosciuta i Mamuthones e gli Issohadores animano il Carnevale con le loro maschere di colore nero per i primi e bianca per i secondi. Oltre alla maschera lignea dal grande naso e al fazzolettone sulla testa, gli uomini che impersonificano i Mamuthones indossano pelli nere di pecora e grandi campanacci sulla schiena che arrivano a pesare tutti insieme anche 30 kg!

Nella sfilata carnevalesca per il paese queste figure non producono suoni se non quelli emessi dai campanacci, a differenza degli Issohadores che indossano la berritta nera, il corpetto rosso, pantaloni bianchi, gambali e scarponi neri e impartiscono ordini ai Mamuthones agitando la fune che cingono tra le mani. Con questa, catturano le giovani donne tra gli spettatori in segno di buon auspicio per salute e fertilità.

Oltre a suggerirti una gita durante il carnevale, ti consiglio di non perderti il Museo delle Maschere  Mediterranee, ospitato in una moderna struttura in Piazza Europa.

Il Museo oltre ad offrire un approfondimento della storia e della tradizione delle maschere mamoiadine, guida il visitatore attraverso altri mascheramenti dei paesi mediterranei che hanno affinità con i costumi dei Mamuthones e degli Issohadores. La visita inizia con la visione di un filmato con immagini, suoni e colori suggestivi richiamanti la solennità e l’importanza che il carnevale riveste per la comunità di Mamoiada.

mamoiada cosa vedere museo

La sala adiacente ospita invece diverse maschere afferenti al Carnevale Barbaricino (oltre a quelle già citate, troviamo i Boes e i Merdules di Ottana e un Thurpu di Orotelli). Nell’ultima sala si possono osservare da vicino varie maschere con figure antropomorfe o zoomorfe delle società agricole e pastorali provenienti da vari paesi dell’area mediterranea: Grecia, Croazia, Slovenia, area dei Balcani, Spagna ma anche Veneto, Friuli Venezia Giulia e Bulgaria, ecc. Il museo è aperto dal martedì alla domenica, mattina e pomeriggio (tutti i giorni da giugno a settembre) e il costo del biglietto intero è di 5 Euro.

mamoiada cosa vedere maschera mediterranea

 

Foto in evidenza: Wikimedia Commons
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail
The following two tabs change content below.

Marina Foddis

Travel Blogger
Sono Umbra ma ho il cuore Sardo, dottoressa in economia e management, digital marketing specialist e blogger. Il turismo e il marketing sono la mia passione, amo organizzare i viaggi con il fai da "me" e la mia filosofia di vita è "Le cose si fanno bene oppure non si fanno per niente!". Nell'offline sono anche un'amministratrice immobiliare. Scrivimi a marina@fairblogtravel.it

1 Comment

  1. […] particolare ho dedicato mezza giornata a Orgosolo e mezza a Mamoiada (già ammirata in occasione del Carnevale […]

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.