Capodanno Cinese in Italia: dove e quando

Capodanno cinese in Italia

 Una cultura millenaria che rinasce ogni anno in questo periodo, con la luna nuova. Scopri come inizia il nuovo anno in Cina e come festeggiare il Capodanno Cinese in Italia

Cos’è il Capodanno Cinese?

E’ il primo novilunio dell’anno a segnare l’inizio del nuovo anno in diversi paesi orientali, tra cui la Cina, che termina 15 giorni dopo con la luna piena e il festival della lanterna (una sfilata in cui grandi e piccini portano delle lanterne accese).

Quello che noi conosciamo con il nome di Capodanno Cinese, viene in realtà celebrato dalla popolazione più numerosa al mondo, come Capodanno lunare o Festa della Primavera perché ne segna l’inizio secondo il loro calendario. In questo periodo ci si ritrova in famiglia, ci si scambia buste rosse con soldi e messaggi di augurio per l’anno appena iniziato, si assiste agli spettacoli imperiali, alle danze del drago e del leone e, oltre ai decori rigorosamente rossi, vengono realizzati degli addobbi raffiguranti l’animale che “governerà” per i 365 giorni successivi (quest’anno sarà il gallo!), secondo l’oroscopo cinese.

E’ il carattere “年” a indicare, nella lingua cinese moderna, la parola anno ( nián), ma in origine questo era il nome di una bestia protagonista di una curiosa leggenda, nella vigilia del nuovo anno.

La leggenda di Nian

Capodanno cinese in Italia - Nian
Foto di Heather Bickle su Flickr

 Una leggenda narra che Nian aveva una bocca così grande che poteva ingoiare un gran numero di persone con un morso, per questo la gente era molto spaventata.

Un giorno, un uomo anziano, venuto in loro soccorso, propose di sottomettere Nian e disse a quest’ultimo “Ho sentito dire che sei molto capace, ma riesci ad ingoiare le altre bestie sulla terra, invece delle persone che non sono tuoi degni avversari?” Nian diede prova del suo potere e mangiò molti degli animali sulla terra che minacciavano gli abitanti e gli animali domestici di quella zona.

Dopo di che, il vecchio sparì in sella alla bestia. La povera gente scoprì che egli era un dio immortale e, liberata dalla paura, cominciò a vivere una vita pacifica.

Prima che il vecchio partisse, aveva detto alla gente di mettere decorazioni di carta rossa sulle loro finestre e porte alla fine di ogni anno per spaventare Nian, in caso di un suo ritorno, poiché il rosso era il colore che bestia temeva di più. L’usanza di decorare le abitazioni con carta rossa e sparare petardi per spaventare Nian, è ancora in uso.

Da allora in poi, la tradizione di festeggiare la sottomissione di Nian  si tramanda di generazione in generazione. Il termine “Guo Nian“, che può significare “Sopravvivere a Nian” diventa oggi “Celebrare il (nuovo) anno”.

 

Quando e dove festeggiare il Capodanno Cinese in Italia

Segna in agenda questa data: 16 febbraio 2018!

Sabato prossimo, infatti, inizieranno i festeggiamenti del Capodanno Cinese e anche nel nostro Belpaese le comunità cinesi che vi abitano e i simpatizzanti si riverseranno in strada per dare il benvenuto all’anno del gallo.

[Programma in aggiornamento per il 2018]
Ecco alcune idee per immergerti nella cultura orientale, senza dover acquistare un biglietto aereo:

  • a Roma, nel primo pomeriggio, assisti alla Parata su via del Corso fino a Piazza del Popolo e sorprenditi con le acrobazie e i giochi pirotecnici che seguiranno alla sfilata.
  • a Sanremo, in Liguria, la scuola di arti marziali Kungfu Chong Oi Chau Ka Yen Yee Tong si esibirà nella danza del leone, alle ore 12.00 in via Nino Bixio
  • nella Chinatown di Milano (tra via Canonica e via Paolo Sarpi, nel Municipio I) segui la parata (in programma per il 5 febbraio 2017) e ammira i decori rossi che abbelliscono il quartiere per la festa
  • a Napoli il Capodanno Cinese si festeggia domenica 29 gennaio 2017 con tante attività e la sfilata del drago portafortuna

Per immergerti già da ora in questa splendida atmosfera, guarda il video del nostro amico Andrea Petroni, blogger di Vologratis.org, sul Capodanno Cinese 2013, nella Capitale.

 

[Foto in evidenza: IQRemix su Flickr ]

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail
The following two tabs change content below.

Marina Foddis

Travel Blogger
Umbra con il cuore Sardo, dottoressa in economia del turismo, e-tourism marketing specialist, laureanda in economia e management e blogger. Il turismo e il marketing sono la mia passione, amo organizzare i viaggi con il fai da "me" e la mia filosofia di vita è "Le cose si fanno bene oppure non si fanno per niente!" Nell'offline sono anche un'amministratrice immobiliare. Scrivimi a marina@fairblogtravel.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.