Visitare Torre di Palme: un borgo incantevole

Torre di Palme

Torre di Palme, un piccolo paese del territorio marchigiano in provincia di Fermo, è stato di recente inserito tra i Borghi più belli d’Italia. Un riconoscimento a mio avviso meritato: ecco il perché.

Da sempre i borghi mi affascinano. Passeggiare senza alcuna fretta alla scoperta degli angoli più nascosti e delle bellezze che li contraddistinguono, respirare quell’aria tranquilla che sembra abbia il potere di rallentare il tempo sono cose che amo. A Torre di Palme ho trovato tutto questo. Una città che è davvero riuscita a stupirmi: quando giorni fa ho saputo che da poco è entrata a far parte del club I Borghi più belli d’Italia non ne sono stata affatto sorpresa.

Vicoli e fiori

Non ero mai stata a Torre di Palme e non ne avevo mai sentito parlare, ma quest’estate mi sono trovata in vacanza sul vicino litorale adriatico e una sera, con la mia famiglia, sono andata a scoprire cosa si nascondeva dietro quella sagoma stagliata contro il cielo, dietro quell’immagine da cartolina che quotidianamente mi trovavo ad osservare e riosservare dalla spiaggia.

Torre di Palme è un caratteristico borgo medievale molto curato e ben conservato. Passeggiare tra i suoi stretti vicoli regala una sorpresa ad ogni angolo e numerosi sono gli scorci che è possibile ammirare addentrandosi nelle sue vie. I suoi edifici sono realizzati prevalentemente in cotto e sono rallegrati qua e là da numerosi vasi di fiori colorati o addirittura coperti da vere e proprie cascate di rigogliosissime bouganville.

Da vedere

Al centro storico si accede solo a piedi, cosa che rende ancora più piacevole la visita, soprattutto in presenza di bambini.

Collocata quasi all’inizio del paese c’è la Piccola Chiesa di San Giovanni, datata attorno all’anno Mille. Più avanti, proseguendo sulla via principale, si trova la Chiesa di Sant’Agostino che custodisce all’interno un bellissimo polittico attribuito a Vittore Crivelli, impossibile non soffermarsi ad ammirare i mille riflessi dorati ed i colori sgargianti dei personaggi raffigurati in quest’opera.

Da visitare anche la Chiesa di Santa Maria a Mare, risalente al XII secolo, con il suo bel giardinetto esterno, e sulla stessa piazza l’Oratorio di San Rocco.

Tra i ricordi da incorniciare

Quello che ho apprezzato della visita a Torre di Palme è sicuramente la bella vista che questo piccolo borgo è in grado di offrire sul variegato paesaggio circostante.

La città offre vari punti panoramici, ampi terrazzi dai quali è possibile osservare le verdi colline dell’entroterra, la costa sottostante, con il suo fitto tessuto urbano, ma soprattutto il mare, un ampio tratto di Mare Adriatico con tutta la ricchezza delle sue sfumature e i suoi colori che all’orizzonte si fondono con il cielo.

Saggia decisione quella di consumare una pizza, a dire il vero buonissima, comodamente seduti in una delle terrazze più suggestive del borgo ed assistere al tramonto. Una volta calato il sole, la vista notturna del litorale e della sua intricata rete di luci si è rivelata uno spettacolo indimenticabile: una ragnatela luminosa stampata nell’oscurità della notte.

Tanto sono rimasta colpita da questo grazioso borgo che non ho resistito ad una seconda visita, organizzata con la scusa di partecipare ad un evento del quale avevo sentito parlare più volte in spiaggia.

Proprio al termine delle nostre ferie si è tenuto infatti “Shabby al Borgo”: una bella occasione per vedere una Torre di Palme ancora più bella, incorniciata e impreziosita da una miriade di addobbi e oggetti shabby chic (mobili e oggetti realizzati, secondo lo stile nato negli Stati Uniti, riutilizzando materiali e mobili vecchi in modo originale e creativo). Un connubio perfetto che mi ha sorpreso e che ha fatto impazzire la mia macchina fotografica.

La visita è stata anche l’occasione per scoprire le tante specialità della cucina locale, servite su affollatissimi tavoli all’aperto, e per conoscere la ricchezza delle produzioni enogastronomiche locali, un bel modo per apprezzare altri aspetti del territorio che ci ha ospitato.

Un video con delle belle immagini di questo incantevole borgo.


E tu sai già cosa visitare a Torre di Palme? Se ci sei già stato, raccontaci le tue impressioni e cosa hai apprezzato di più di questo angolo di Marche.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail
The following two tabs change content below.

Catia Moroni

Umbra, laureata in economia e commercio e con una lunga esperienza come analista funzionale, e-tourism marketing specialist. Sono curiosa, innamorata della natura, di ogni cosa mi piace esplorare quello che c’è dietro, l’essenza oltre l’apparenza.

1 Comment

  1. […] è andata e, se avete un po’ di tempo in più, non perdetevi una passeggiata al vicino borgo di Torre di Palme, da poco entrato nel Club dei Borghi più Belli […]

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.