I siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO in Umbria

Assisi

In Umbria, i siti dichiarati “Patrimonio mondiale dell’Umanità” dall’UNESCO sono diversi: scopri quali sono e perchè sono entrati a far parte di questa lista.

L’Italia  è la nazione  che detiene il maggior numero di siti inseriti nella lista dei patrimoni dell’umanità  dell’UNESCO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura: 51 siti fisici e 6 che fanno parte del Patrimonio Orale ed Immateriale.

Storia e intenzioni

Fondata nel 1945, questa agenzia delle Nazioni Unite intende promuovere la pace e la comprensione tra le nazioni attraverso l’istruzione, la scienza, la cultura, la comunicazione e l’informazione,  sulla base dei valori espressi nella Carta dei Diritti Fondamentali delle Nazioni Unite. In seguito, è stata adottata una convenzione internazionale per  identificare, proteggere e conservare il patrimonio culturale e naturale mondiale considerato importante per l’intera umanità. Da qui nasce la lista di tutti quei siti che hanno un’importanza eccezionale e rispondono a criteri studiati appositamente, sia naturali che culturali.

Dal 2001 l’UNESCO ha creato un ulteriore elenco in cui inserire le tradizioni che vengono tramandate perlopiù oralmente attraverso le generazioni e che compongono il Patrimonio Orale ed Immateriale dell’umanità.

I siti UNESCO in Umbria

L’UNESCO indica in dettaglio tutti i criteri che hanno portato all’inclusione di ciascun sito nella lista dei patrimoni. In Umbria, i luoghi inseriti finora rientrano in due filoni principali: quelli collegati a San Francesco e quelli inerenti alla presenza dei Longobardi in Italia. Vediamo insieme quali sono.

600x400 Basilica Assisi

Assisi e gli altri luoghi francescani

Tra le motivazioni per l’inserimento della città di Assisi nella lista UNESCO,  oltre all’inestimabile valore dei capolavori artistici ed architettonici della città, c’è anche il profondo legame di questa città con il culto di San Francesco e il messaggio universale di pace e tolleranza che attraverso i secoli si è diffuso in tutto il mondo.

L’elenco completo dei luoghi Francescani in Umbria:

  • La città di Assisi
  • La chiesa di San Damiano
  • L’Eremo delle Carceri
  • Il Santuario di Rivotorto e paesaggio storico
  • La Basilica di Santa Maria degli Angeli e Palazzo del Capitano

Tempietto sul Clitunno

I Longobardi in Umbria

Gli altri siti UNESCO in Umbria appartengono alla serie I Longobardi in Italia: i luoghi del potere (568-774). L’influenza dei Longobardi è stata molto significativa in tutt’Europa, sia dal punto di vista architettonico che culturale. Questo popolo orginario della scandinavia, seppe fondere la loro cultura d’origine con la tradizione classica, creando uno stile unico e riconoscibile. I luoghi di questa serie sono 7 in Italia, due si trovano in Umbria:

Quali di questi luoghi hai già visitato e quali invece non conoscevi? Scrivici per raccontarci la tua esperienza.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail
The following two tabs change content below.

5 Comment

  1. […] della natura che qui sembrano di casa, ma le parole non renderebbero giustizia a questo speciale sito Unesco, unico al […]

  2. […] di Assisi, definito anche culla della comunità francescana e inserito nella lista dei siti Patrimonio dell’Umanità Unesco. Sopra la porta d’ingresso principale della chiesa sono scolpite le parole “Hic […]

  3. […] all’itinerario classico nel centro storico, patrimonio dell’Unesco, lungo la riva occidentale della Moldava, abbiamo passeggiato nel quartiere Malá Strana (piccolo […]

  4. […] a caso Assisi è stata dichiarata Patrimonio mondiale dell’Umanità dall’UNESCO: in questa città il patrimonio culturale e artistico crea un tutt’uno con la natura […]

  5. […] Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”. Così come il tempietto sul Clitunno a Campello e la chiesa di San Salvatore a Spoleto, anche la Il complesso monumentale con la Chiesa di Santa Sofia a Benevento testimonia il livello […]

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.